Auto Diagnosi

Molte volte il paziente non è a conoscenza di una eventuale patologia oculare di cui è affetto e ciò ritardaAuto Diagnosi quindi la visita oculistica ad un momento successivo, quando ormai risulta molto più difficile intervenire con successo con una adeguata terapia. Alcune patologie, come il glaucoma (chiamato anche il ladro silenzioso della vista), sono molto insidiose e subdole poiché non presentano sintomi che possano allarmare il paziente e quest'ultimo si rende spontaneamente conto della patologia quando ormai il campo visivo è irrimediabilmente danneggiato. Solo una visita oculistica con eventuale esame del campo visivo può porre una diagnosi di glaucoma e consentire l'impostazione di una idonea terapia al fine di preservare la normale funzione visiva.

Altre patologie dell'apparato visivo diverse dal glaucoma possono tuttavia essere talvolta riconosciute dal paziente stesso per una riduzione dell'acuità visiva o per un peggioramento di qualità della stessa, come nel caso di cataratta, maculopatie o patologie vitreo-retiniche. A tale scopo sono di seguito riportati due semplici test diagnostici che possono essere autonomamente effettuati dal paziente.

Ottotipo

L'ottotipo è il classico test per l'acuità visiva effettuato dall'oculista. Il modello qui di seguito riportato in formato pdf puòOttotipo essere stampato e deve essere quindi posizionato ad una distanza di 3 metri. Il paziente dovrà quindi coprire dapprima un occhio e quindi l'altro per individuare l'acuità visiva di ciasun occhio; in caso di portatori di lenti a contatto o di occhiali questi devono logicamente essere indossati. La scala di lettura sulla destra dell'ottotipo riporta il valore in decimi dell'acuità visiva. 10/10 è il valore dell'acuità visiva normale. Una eventuale acuità visiva inferiore è meritevole di essere approfondita mediante visita oculistica, per i pazienti di tutte le età.

Griglia di Amsler

La griglia di Amsler è un semplice e rapido test per valutare l'eventuale presenza di maculopatie o patologie dell'interfaccia vitreo-retinica. Si esegue (con eventuali occhiali per lettura) prima con un occhio e quindi con l'altro fissando attentamente il centro della griglia. Qualora durante l'esecuzione del test le linee ed i quadratini non apparissero perfettamente paralleli ed ortogonali tra loro, ma risultassero anche lievemente distorti come nell'immagine di seguito riportata, è fortemente indicata una valutazione oculistica.

Griglia di Amsler

Griglia Amsler PatologicaUna lettura della griglia come quella mostrata qui a lato o anche solo lievemente alterata deve essere approfondita mediante opportuna valutazione oculistica.